Varie / Critiche / Ricerche

Il BUSINESS DEVELOPER: Un ruolo a braccetto con l’area commerciale

business-mod

In un’azienda strutturata il BUSINESS DEVELOPER riporta generalmente al direttore vendite. Quest’ultimo invece riporta al direttore commerciale che deve avere capacità di analizzare i dati, di pianificare le attività composite, di gestire budget e valutare i risultati raggiunti, di assumere rischi e responsabilità e generalmente avere padronanza di almeno una lingua straniera per eventuali rapporti con i mercati esteri.

Il direttore commerciale non deve solo saper convincere clienti ad acquistare i prodotti o i servizi dell’impresa, ma occorre anche che faccia fronte alla maggiore complessità del lavoro odierno del venditore, chiamato a comprendere sempre meglio i bisogni dei clienti con culture e abitudini diverse. Il moderno direttore commerciale quindi ha anche capacità di gestire gli aspetti psicologici dei suoi collaboratori. Deve sapere motivare al massimo le persone. La sua formazione scolastica è raramente un requisito rigoroso, anche se è spesso laureato in materie economiche e, in particolare, in discipline aziendali.

Il suo obiettivo essenzialmente è quello di trasformare le vendite in incassi reali, ovvero non solo limitarsi a vendere generando fatturato, ma collaborando con il dipartimento Finance per agevolare gli incassi e limitare i rischi di insolvenza e per definire le migliori strategie per risolvere eventuali contenziosi con i debitori. Cambiano in questo senso anche gli obiettivi di questo profilo: non solo bonus sulle vendite, ma anche sull’incasso.

Il direttore commerciale è l’esempio di un ruolo che non vedrà mai il tramonto, continuando ad avere molta attrattiva e richiesta specifica: questo vale sia per le figure manageriali che per le figure commerciali di minore responsabilità e intermedie.

E’ chiamato a raggiungere gli obiettivi strategici dell’impresa, come ad esempio entrare in un nuovo mercato regionale o nazionale, aumentare la quota di penetrazione presso una certa fascia di clienti o aprire nuovi canali di distribuzione.

Inoltre, elabora piani d’azione con cui stabilisce come impiegare le risorse a sua disposizione, dà indicazioni operative a ciascun componente della rete commerciale, fissa i traguardi dei suoi collaboratori, definendo le politiche di incentivazione della forza vendita. In particolare, in un periodo di sostanziale crisi generalizzata come quello in cui viviamo, la ricerca da parte delle aziende di sviluppare fatturati su nuovi segmenti di mercato, riprendendo il terreno perso in questi ultimi due anni, diventa dunque uno dei primi fattori da rinnovare.

L’OREAL è senza direttore generale!

FABIO LO PRATO dopo una breve esperienza ha abbandonato la funzione per andare a ricoprire nuove posizioni in altri mercati. La funzione di “direttore generale” sarà prossimamente ricoperta sicuramente da qualcuno che è cresciuto all’interno dell’OREAL ITALIA e che ha ricoperto varie funzioni con diverse responsabilità. A breve il nome ufficiale.

www.hairadvisor.com racconta balle ?

Non ci risulta che www.hairadvisor.com, sito chiaramente collegato all’Oreal, abbia 120.000 visitatori al mese come da loro dichiarato !Con un Rank di 589.802 è un risultato impossibile ! E’ più verosimile che li faccia in un anno. Certo che sono grandi anche nelle balle !!!!!!

RIDO per non PIANGERE !

Ho scoperto che diversi parrucchieri che si fanno chiamare “hairstylist” e fanno i GURU sui palchi o in trasmissioni altro non sono che “PICCOLI PARRUCCHIER” con uno max due collaboratori. Ma come si fa ad ascoltare e imparare da soggetti che non hanno successo con la loro attività ? L’Italia sta diventando una bidonville organizzata da aziende altrettanto “fantasma”. Ma facciamo i seri per favore. La prossima volta comincio a fare nomi e cognomi.

L’oreal al 45% di sconto !

Sono un grossista e non nascondo le difficoltà attuali del mercato perchè è sempre più evidente che i consumi dai parrucchieri stanno calando. Adesso poi ci si mettono anche quelli della rivista “estetica” che col loro ecommerce fanno sconti sull’oreal del 45% !!! Questa azienda (L’Oreal) è sempre stata per tutti noi un punto di riferimento per tutto : marketing, commerciale, pubblicità, formazione, promozione, novità etc. Oggi non condivide più il mercato ma lo sfrutta soltanto. E’ arrivato il momento di cambiare il RE !

COTY – WELLA

Il gruppo COTY, che ha nella sua divisione PROFESSIONAL BEAUTY il marchio WELLA, ha istituito un leadership team di 13 persone per guidare nel mondo lo sviluppo degli affari. La presidente SYLVIE MOREAU potrà quindi contare sulla collaborazione di managers che gestiranno ognuno un’area geografica. In questo team ci sono diversi personaggi con grande esperienza, ma nessun italiano : SYLVIE MOREAU, PHIL ROBERTS, SREBRENKA HANAK, PHILIPPE GEORGES, MICHELLE MASON, PETER COLES, MARIUS DE BRUIN, SAL MAUCERI, PETER COLES, LAURA SIMPSON, JUAN DE INZA, NINA MOISE, LAURENT NIELLY, RICHARD RE COLONNA D’ISTRIA.