Varie / Critiche / Ricerche

Prato – Multati 8 negozi cinesi: non rispettano la chiusura nei giorni festivi

Chiusura negozi

PRATO – La Polizia Municipale prosegue i controlli sulle attività commerciali che non rispettano l’obbligo di chiusura nei giorni festivi. Nel 2011 il decreto Monti liberalizzava gli orari degli esercizi commerciali, limitando però le attività artigianali come parrucchieri ed estetisti, i quali devono rispettare l’obbligo di chiusura nei giorni festivi. La Polizia Commerciale e Anticontraffazione ha eseguito controlli durante la fine del mese scorso per verificare il rispetto di tali norme: circa 15 le attività controllate e 8 negozi di parrucchieri ed estetisti sono risultati aperti. Si tratta di attività gestite da cittadini cinesi che hanno ricevuto una sanzione di 500 euro a testa.

SPACCIARSI per quello che non si è !

hairadvisor.it (sostenuto e sponsorizzato da L’OREAL) impropriamente si definisce “il primo portale digitale per trovare il tuo parrucchiere ideale !” . HEARST MAGAZINE ITALIA spa, proprietario del sito, non conosce nè storia, nè passato, nè presente del digitale nel settore. Probabilmente deve spacciarsi per quello che non è per tenersi lo sponsor !!!!!!!!!!

TONY DI LIDDO di TORINO

Perchè usa logo TOP HAIRSTYLISTS se nell’anno 2015 non è più selezionato e pubblicato nella guida ? 
Perchè se uno è stato escluso può continuare a farsi bello e dire che è uno dei TOP hairstylists 2015 ?
È così grande la megalomania malata di certi acconciatori ? Allora lo posso usare anche io ?

Royals’ Hair Relocates to Deliver an
Even ‘Moorish’ Experience

Royals

The opportunity to relocate premises was the perfect chance for Mary and Adam Alamine and their Royals’ team to bring to life a long-held vision for their salon and to truly embrace their love of Moroccan influence!
With a friend happy to import distinctive, bright and intriguing pieces from Morocco, the new salon took shape quickly with genuine Moroccan doors adorning the ceiling, plates hanging on the walls, and ornate lamps and metallic grills greeting visitors upon entry.

“Mary and I share a love for the Moroccan design and we wanted a space that was authentic. We wanted real pieces from Morocco with a distinct ‘imperfect beauty’ so we steered clear of polished finishes and relied heavily on reclaimed timber, handmade pieces and lots of original, unique items from Morocco.”

Having occupied space in the convenience of the Castle Towers shopping centre since 2007, it was time for a move to another area of the centre and really accentuate their take on the Moroccan style that underpins their salon interiors and hospitality, which stems from Adam’s heritage.

RoyalsRoyalsRoyalsRoyals

IL VALORE della PROFESSIONALITÀ

I rapporti commerciali in Italia sono basati più sulla simpatia / antipatia / invidia che sul valore dell’AFFARE: assurdo !
È un freno allo sviluppo delle aziende che antepongono rapporti personali a quelli utili al business. I manager che si comportano così sarebbero da licenziare… e ce ne sono tanti purtroppo. Volete i nomi ? chiedeteceli.

Derubata azienda di prodotti per parrucchieri a Monteggiana

Ladri

Un furto di trentamila euro tra cosmetici, creme, phon, piastre per capelli e tosatrici elettriche: questo è il danno che pochi giorni fa ha subito la ditta Pcs di Monteggiana (provincia di Mantova), impegnata nella commercializzazione di prodotti e attrezzatura per parrucchieri. Secondo gli investigatori sembra che a compiere il furto siano state tre persone. I malviventi si sono introdotti nell’edificio nella notte attraverso l’area della ditta Technoblock, chiusa per fallimento, da qui hanno tagliato la recinzione che divide la Technoblock dalla Pcs e dopo aver forzato le barre in ferro di una porta situata sul retro dell’azienda la banda ha svuotato espositori di cosmetici e scaffali pieni di prodotti per capelli e attrezzature per parrucchieri. L’allarme è entrato in funzione ma i ladri hanno agito in modo rapido e sfruttando i tempi di reazione delle forze dell’ordine e dei propietari. Sull’episodio indagano i carabinieri di Suzzara.

LE TINTURE DI WELLA SONO CANCEROGENE ?!

Ho letto su il Giornale che la tintura Koleston di WELLA è stata CONDANNATA perché CANCEROGENA.
L’articolo dice che il Tribunale di Bari ha condannato l’Azienda a risarcire un parrucchiere che si è ammalato di tumore dopo aver usato quei prodotti per anni.
I periti del tribunale hanno riscontrato  nelle tinture Kolleston 1+1 e Creation color gel la presenza di due sostanze altamente irritanti e nocive (benzene e toluene). Queste due sostanze sono da tempo limitate nei Paesi della Comunità europea da specifiche normative di legge proprio perché riconosciute come cancerogene!
E i livelli di tossicità aumentano se l’esposizione a queste sostanze si protrae nel tempo (come nel caso dei parrucchieri) e se è associata ad acqua e ossigeno.

E cosa fa la WELLA? La multinazionale “non ha fornito informazioni sull’esatto impiego dei prodotti e sugli effetti collaterali, come invece s’impone alla stregua della normativa comunitaria”.

Ma nessuno fa niente? E il prodotto è stato almeno sequestrato? Ma cosa succede?

Saronno – Fugge per non pagare le extension

Saronno

Bizzarro l’episodio accaduto a Saronno, in provincia di Varese, qualche giorno fa. Una quarantenne si è recata presso un parrucchiere in via Carcano, nel pieno centro storico della città, chiedendo che le venissero applicate delle extension. Terminato il trattamento alla cassa ha estratto un bancomat che però non era accettato dall’attività. Il personale si è offerto di accompagnarla a fare un prelievo ma appena uscita dal negozio è iniziata la fuga. La donna ha iniziato a correre e i titolari del negozio sono partiti all’inseguimento, incrociata una pattuglia della polizia locale la folle corsa è termimata solo in Piazza Borella dove gli agenti sono riusciti a fermarla. La donna, che evidentemente aveva alzato un po’ troppo il gomito, ha cercato di resistere persino agli agenti dichiarando che aveva pagato il conto e non doveva niente a nessuno. Le autorità sono però riuscite a calmarla e ad accompagnarla al comando. In attesa di sapere se i titolari dell’attività sporgeranno querela per il mancato pagamento la sua posizione è al vaglio per quando riguarda l’ubriachezza molesta e la resistenza a pubblico ufficiale.

Lecce – Rapina ai danni di un negozio per parrucchieri

Polizia

La vittima, un commerciante che vende prodotti per parrucchieri, è stato rapinato il giorno 4 agosto in via Archita da Taranto a Lecce.
Un malvivente munito di pistola, si è introdotto nell’esercizio commerciale Hair Project e dopo aver gettato a terra il titolare del negozio puntandogli l’arma contro, ha preso il bottino ed è fuggito con 800 euro. Il proprietario del negozio ha inizialmente inseguito il ladro, che è fuggito a piedi, poi allertato la polizia. Si ricerca il malvivente.

PENSIERO di un RAPPRESENTANTE

Pensiero di un rappresentante:

” Basta con call center, e con le comunicazioni online. Bisogna riscoprire il contatto umano, parlare direttamente con il cliente, dedicagli tutto il tempo necessario. Non sarà mai tempo perduto. È quanto ho imparato nei miei anni d’esperienza. Il rappresentante conosce i clienti meglio del capo marketing.”