Varie / Critiche / Ricerche

Prostituzione nei centri estetici fasulli

.

Centri estetici fasulli che ospitano prostituzione,
per il Ministero della giustizia non serve alcuna regolamentazione.
La Guardia di Finanza di Brescia ha smascherato un gruppo di ragazze (sia italiane che straniere) che, complici i titolari di finti centri estetici, esercitavano il mestiere più vecchio del mondo spacciandosi ufficialmente per massaggiatrici. I titolari dei presunti centri benessere non solo incassavano una larga percentuale del guadagno delle "massaggiatrici", ma riuscivano anche ad usufruire di sgravi fiscali dichiarando la sede dell’attività come fosse di un "circolo culturale o ricreativo". Uno di questi centri è stato posto sotto sequestro, gli altri chiusi. Già alla fine di giugno Confestetica aveva scritto a numerosi parlamentari ed al Presidente Napolitano denunciando la situazione, la risposta (della Dottoressa Fargnoli) ribadiva che "le doglianze espresse appaiono infondate posto che si tende a confondere le situazioni di abuso… con supposte carenze di regolamentazione del sistema". Certo che, se ai Centri benessere sarà concesso assumere ancora lavoranti prive di qualifiche professionali, tale situazione probabilmente continuerà a proliferare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>